Barcelona: bellezza e voglia d’indipendenza

Barcelona: bellezza e voglia d’indipendenza

agosto 5, 2018 0 Di giozen87

Prenota le tue escursioni a Barcelona, con GetYourGuide!

Non hai trovato l’escursione che ti piace? Puoi trovarne molte altre qui!

______________________________________________________________________

Solitamente quando devo scoprire un posto nuovo vado su Google e digito “cosa vedere a…”. L’ho fatto anche con Barcelona e… beh, non mi ha aiutato granché. Barcelona è una città meravigliosa, nella quale la modernità si scontra con la storia e il sacro (a volte) si mescola al profano. Per questo non è semplice pianificare un itinerario: la capitale della Catalogna offre tutto a tutti e non biasimatemi se pensate che non abbia visto alcune delle cose più belle, tornerò!

CASTELLO DI MONTJUIC

Non è un mistero che la Catalogna (o meglio, la Catalunya), abbia un’identità ben precisa. Non è nemmeno un mistero che questa identità sia stata di recente rivendicata dai suoi abitanti, sfociando in una forte richiesta di indipendenza che ha causato non poco subbuglio in Patria e fuori.

E c’è un luogo che domina sull’intera città in cui il vessillo rossodorato della Catalogna sventola più fiero che in qualsiasi altro posto: il castello di Montjuic. Sebbene il castello di per sé non abbia granché in comune con la storia degli Aragona (ai quali si deve l’origine della bandiera stessa), la sua posizione dominante sulla città e la sua vicinanza ai musei d’arte e d’archeologia della Catalunya, lo rendono senza dubbio uno dei luoghi simbolo della città.

Inoltre, la vista sulla città dall’omonimo colle è straordinaria!

Barcelona: Castello di MOntjuic

Sopra: il fossato del Castello Sotto: l’interno del Castello

Barcelona: bandiera della Catalogna

La bandiera della Catalogna sul Castello di Montjuic

OPERE DI GAUDI

E’ proprio dal colle di Montjuic che viene la pietra scolpita sulla facciata di Casa Batllo. Il palazzo fu acquistato nel 1903 da Josep Batllo i Casanovas, imprenditore tessile catalano, il quale incaricò Antoni Gaudì di rimetterlo a nuovo. Situato al civico 43 di Passeig de Gràcia e sviluppato su una superficie di ben 4500 mq, casa Batllo ha 8 piani, divisi tra unità abitative e, nel seminterrato, un livello di stoccaggio.

Sempre su Passeig de Gràcia si trova la Pedrera, o Casa Milà. Sviluppato intorno a due corti interne, una rotonda e una ovale, l’edificio mostra ben tre diverse facciate, una su Passeig de Gràcia, una su Carrer de Provenza e una di collegamento tra le due. Forse, però, la caratteristica più evidente è il tetto: Gaudì ha infatti pensato di rendere il tetto quasi “abitabile”, creando degli spazi vivibili e caratterizzandolo con ben trenta diversi camini. Su uno di questi in particolare troverete due incisioni: un cuore verso la città natale di Gaudì e una lacrima verso la Sagrada Familia, a testimoniare il dispiacere dell’artista per il non poter vedere la sua maggiore opera completata.

Parc Guell è, invece, il luogo in cui Gaudi ha dato libero sfogo alla sua inventiva. Il parco è suddiviso in due macro aree, quella monumentale con tutte le opere di Gaudì e quella naturale, che costituisce una sorte di “cornice” e nella quale si trova la casa dell’architetto stesso prima che si trasferisse nel cantiere della Sagrada Familia. Con le particolari curve che caratterizzano la sua architettura, l’intenzione era quella di trovare la giusta armonia tra l’opera dell’uomo e quella della natura. E’ davvero difficile trovare le parole per descrivere quanto è “strano” questo luogo, mi concedo solo un suggerimento: prenotate la visita con largo anticipo!

Per ultima, l’opera magna di Gaudì: la Sagrada Familia. Ci si dovrebbe dilungare all’infinito a descrivere questa opera per rendere giustizia alla sua bellezza e, credetemi, nemmeno le foto ci riescono. Tutto quello che mi sento di dire è che non dovete lasciar passare troppo tempo prima di vederla. E badate bene che la vostra visita non si fermi al solo esterno dell’edificio: è all’interno che si schiude la vera magnificenza della Sagrada Familia, con le torri, le porte d’ingresso, le vetrate…

Barcelona: Casa Batllo e Pedrera

A sinistra: casa Batllo A destra: la Pedrera

Barcelona: Parc Guell

Sopra: Parc Guell, parte monumentale Sotto: Parc Guell, parte naturale

Barcelona: la Sagrada Familia

A sinistra: Sagrada Familia, la torre centrale Al centro: Sagrada Familia, la facciata della Natività A destra: Sagrada Familia, le vetrate

IL MARE A BARCELONA

Ci sono almeno due spiagge meravigliose a Barcelona da cui poter godere del Mare Mediterraneo che lambisce le coste della città. In una città con milioni di persone e un’urbanizzazione lunga più di un secolo, mi aspettavo di non trovare un mare limpido e invece… con mia sorpresa ho fatto un paio di bagni molto più che piacevoli. A Playa de Barceloneta e Playa del Bogatell troverete tanta, tantissima gente, ma una piacevolissima brezza e un mare azzurro che vi consentiranno di spendere molto bene almeno un paio di pomeriggi!

Barcelona: Barceloneta e Bogatell

Sopra: playa de Barceloneta Sotto: il mare di playa del Bogatell

IL CAMP NOU

C’è un luogo che, per gli sportivi, ha qualcosa di “sacro” nella città di Barcelona: parliamo del Camp Nou. Il percorso che il Barcelona FC ha organizzato per i visitatori è molto ben curato. La partenza è nel museo che illustra la storia della società, dalla nascita ai recenti successi. Si va poi nella sezione d’esposizione dei trofei: chi segue il calcio può immaginare da solo… Champions League, Palloni d’oro, Liga. E alla fine il pezzo forte: si entra nello stadio. Vi dico la verità: si torna ad essere bambini. L’emozione che si prova entrando in un tempio del calcio come il Camp Nou è straordinaria. La struttura è imponente, gli spalti infiniti e non esiste un modo di andarsene da lì senza portarsi un souvenir (che per noi è stato un album fotografico). Non perdetevelo per nessuna ragione, anche se non siete appassionati di calcio!

Barcelona: Camp Nou

Sopra: gli spalti del Camp Nou Sotto: gli stemmi del Barcelona in campo e nei corridoi della zona mista

LA RAMBLA

E infine… la famosa Rambla! Vi dirò, tra tutto quello che abbiamo visto è il luogo che mi ha entusiasmato meno: è una bella via pedonale, con molte piante che fanno ombra nei giorni più caldi e molti negozi, ma in tutta sincerità ha un solo posto affascinante da mostrare: la Boqueria!

La Boqueria è un mercato che offre decine e decine di bancarelle con prodotti tipici spagnoli e moltissime particolarità culinarie internazionali: fatevi almeno un pasto qui, ne varrà la pena!

Barcelona: la Boqueria

La Boqueria

Se ti è piaciuto l'articolo, seguimi sui social